Compass and Compasito 

                                          

Redu ha tradotto e revisionato la nuova versione di Compass e Compasito  in italiano

Compass è diventato un manuale di riferimento per molte persone coinvolte nel lavoro giovanile basato sul valore dell’educazione non formale. Attualmente è disponibile in più di 30 lingue, dall’arabo al giapponese all’islandese e al basco. In alcuni paesi è diventato parte delle risorse per l’educazione ai diritti nelle scuole e in alcuni altri non è possibile utilizzarlo perchè vietato. Le avventure di Compass in tutta Europa rispecchiano spesso la realtà dilemmatica dell’educazione ai diritti umani.

Il successo di Compass è stato seguito da quello del suo fratello più giovane, Compasito – il manuale per l’educazione ai diritti umani con i bambini. Entrambe le pubblicazioni supportano l’attuazione della Carta del Consiglio d’Europa sull’istruzione per la cittadinanza democratica e l’educazione ai diritti umani.

Compass e la sua pubblicazione in varie versioni linguistiche è stato il mezzo attraverso il quale l’educazione ai diritti umani è stata inserita nell’agenda del lavoro giovanile e nei programmi di molte scuole. Le reti nazionali per l’educazione ai diritti umani sono state create in diversi paesi, dove rafforzano il lavoro svolto da organizzazioni per i diritti umani e professionisti dell’educazione nel rendere il diritto all’educazione ai diritti umani una realtà per bambini e giovani in tutta Europa. Il forum sull’educazione ai diritti umani con i giovani, Living, Learning, Agire per i diritti umani, tenutosi a Budapest nel 2009, ha sottolineato l’importanza dell’educazione ai diritti umani oggi.

I diritti umani non possono essere difesi e promossi solo con strumenti giuridici. L’educazione ai diritti umani – l’apprendimento, l’educazione ai diritti umani – è essenziale per assicurarsi che siano compresi, sostenuti e promossi da tutti.

Il lavoro intrapreso da e per i giovani attraverso Compass – un manuale per l’educazione ai diritti umani con i giovani, mostra chiaramente che il Consiglio d’Europa può contare sulla generosità, passione e competenza dei giovani per rendere l’educazione ai diritti umani una realtà per molti altri giovani. […] Le esperienze del lavoro giovanile e dell’apprendimento non formale sono state poste con successo al servizio di progetti di educazione ai diritti umani per tutti, compreso l’apprendimento formale e non formale.

L’educazione ai diritti umani non può essere di competenza esclusiva delle ONG e delle organizzazioni giovanili. Né può essere effettuato esclusivamente da volontari. Gli Stati hanno una grande responsabilità nell’attuazione dell’educazione ai diritti umani. Deve essere accolto, sostenuto e sostenuto da loro in modi che prevedano un ruolo per i settori dell’istruzione formale e non formale.

Per molti professionisti occasionali dell’educazione ai diritti umani, Compass è diventato sinonimo di educazione ai diritti umani. Tuttavia, l’educazione ai diritti umani è molto più di Compass. Compass indica percorsi e suggerisce modi di sperimentare l’educazione ai diritti umani, ma lascia la scelta del percorso e del metodo al facilitatore e in ultima analisi agli studenti.

Compass non è un diritto umano; l’educazione ai diritti umani si lo è!!

Cliccare qui per visionare il sito con il contenuto del manuale COMPASS

 

Cliccare qui per visionare il sito con il contenuto del manuale Compasito

 

Il manuale Rainbow Resources, redatto da IFM-SEI, prende ispirazione da Compasito e approfondisce i temi del genere e della sessualità, agendo sulla rimozione di quegli elementi culturali e sociali che ostacolano l’effettiva partecipazione di bambine e bambini, adolescenti e giovani al cambiamento delle società in cui vivono.

Il genere e l’orientamento sessuale influenzano la nostra vita tutti i giorni, ma sono spesso dimensioni date per scontate, trascurate nella loro importanza.
Eppure intorno a genere e orientamento si consolidano stereotipi e pregiudizi presenti in tutte le culture, che condizionano fortemente lo sviluppo di bambini e bambine e vengono appresi fin dalla nascita, che si riproducono perpetuando una struttura sociale in cui il modello di riferimento è il dominio del maschile sul femminile, in cui gli uomini devono essere forti e dominanti e le donne deboli e sottomesse.

Riteniamo le Risorse Arcobaleno uno strumento prezioso per chi lavora in ambito educativo, formale e non formale, soprattutto in un momento storico in cui il genere e l’orientamento sono diventati campi di battaglia per portare avanti discriminazioni e violenza patriarcali, che limitano la possibilità delle persone di vivere serene e libere.

Manuale Risorse Arcobaleno in italiano

Cards

 

Altre risorse 

 

BOOKMARKS
MANUALE PER COMBATTERE I DISCORSI D’ODIO ONLINE ATTRAVERSO L’EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

Ad oggi l’incitamento all’ odio è diventata una delle forme più comuni di intolleranza e xenofobia in Europa. Di particolare interesse è la crescente presenza di discorsi d’odio nella politica e come ciò sia diventato un luogo comune nella sfera pubblica, soprattutto attraverso internet.

Questo manuale è stato ideato per supportare il No Hate Speech Movement la campagna del Consiglio d’Europa indirizzata ai giovani contro l’incitamento all’odio online – hate speech online ed è un utile strumento per gli educatori che lavorano per affrontare questa problematica sia nei contesti nei quali si utilizza l’educazione formale (ad esempio le istituzioni scolastiche) che al suo esterno.

Bookmarks_in ITALIANO.pdf

Progetto ICARO: prevenzione della violenza nelle scuole attraverso l’ intellingenza emotiva

Avere un manuale su “Prevenzione della violenza scolastica attraverso l’intelligenza emotiva ” vuol dire offrire la possibilità di consultare delle linee guida specifiche per gli insegnanti e delle attività da svolgere con i propri studenti facendo attenzione all’aspetto emotivo nella prevenzione alla violenza.
Il manuale, prodotto dal progetto ICARO si basa su pratiche già in uso in diverse scuole e ONG dell’ Europa è quindi per noi di fondamentale importanza poter diffonderle ad altre scuole ed ONG. Saranno importanti per noi i feedback che riguardano sperimentazioni di attività che farete e che vi sembra importante segnalarci rispetto a miglioramenti o annotazioni significative.

Manuale ICARO

 

Progetto Human Rights Start Breakfast

COME iniziare a parlare dei diritti umani già dalla prima colazione?
Strumenti educativi per lavorare con i giovani partendo dal principio che i diritti umani sono indivisibili, interdipendenti e interconnessi.
Questo manuale contiene informazioni e strumenti concreti per permettere ai giovani di sviluppare competenza nella difesa e promozione dei diritti umani

Manuale HRSB