Storie di oggi e di ieri

PROGETTO CO2

Co2 immagineIdee, progetti e buone prassi per fare e praticare economia collaborativa

CI PIACE…..
La frontiera della economia collaborativa e della condivisione per affermare un nuovo modo di interpretare il lavoro e il vivere…….buona reputazione, fare insieme, costruire legami di fiducia….

Si può generare modi di agire e stili di vita affascinanti ma anche innovativi percorsi professionali quando si riesce a mettere al centro la comunità e la coesione sociale.

Se ci credi anche tu e vuoi condividere idee che nascono insieme o sono già nate unisciti alla comunità di CO2 e contamina le “tue molecole”!! Come?? iscrivendoti al nostro progetto. Contattaci per saperne di più.

Per approfondire questi temi il progetto CO2 ha previsto 4 INCONTRI che hanno l’obiettivo di discutere e confrontarsi su:

– una definizione di sistema collaborativo condiviso,

– una rete non formale ma riconoscibile e condivisa di attori,

– una serie di domande, quesiti, richieste da portare sia agli attori pubblici sia nei contesti che possono recepire e agire.

Gli appuntamenti avranno luogo presso Coworking Café 91C – Via Corridoni, 91C Firenze

20 Aprile 2017 Dalle 17.30 alle 20.00

Tema: I servizi di comunità – con la presenza di CAUTO – Cantiere di autoalimentazione – Banco di Comunità di Castiglione delle Stiviere

4 Maggio 2017 Dalle 17.30 alle 20.00

Tema: La Rigenerazione urbana – con la presenza di MoltiVolti – food coworking del quartiere di Ballarò di Palermo

11 Maggio 2017 Dalle 17.30 alle 20.00

Tema: La cultura – con la presenza del Cinema Modernissimo di Perugia

31 Maggio 2017 Dalle 17.30 alle 20.00

Tema: Economia collaborativa dalle idee all’azione con il team di REDU in preparazione del Festival dell’Economia di Campi Bisenzio (FI)

Novembre 2017

Partecipazione al Festival dell’Economia di Campi Bisenzio (FI)

 

PER PARTECIPARE AD UNO O TUTTI GLI INCONTRI E’ NECESSARIO ISCRIVERSI AL SEGUENTE LINK

 

 

GIOVEDI 30 MARZO 2017
dalle 17.30 alle 20.00 – presso lo “Spazio 91C: coworking e coworkingcaffè” a Firenze in via Filippo Corridoni, 91

Si è TENUTO il primo incontro con esperienze di economie collaborative a confronto:

– “Macrolotto 0” Prato- Rigenerazione Urbana
– PLANBEE- Crowdfunding Civico
– Coworking Caffé 91C
– RECREO – progetto piattaforma per il recupero territoriale

 

VOLANTINO COMPLETO

 

Contatti e info:

Rete Educare Diritti Umani

Email: educaredirittiumani@gmail.com

www.educareaidirittiumani.net

 

Read more

Newsletter n.1 progetto Human rights at breakfast

Per chi vuole tenersi aggiornati sulle vari fasi del progetto ecco la nostra prima NEWSLETTER!

Read more

12 aprile 207 – Università di Siena, evento di disseminazione del progetto Human rights at breakfast

img_20170412_111251

 

Il 12 aprile presso Università degli Studi di Siena,  Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali gli studenti hanno potuto sperimentare le attività del progetto Human rights at breakfast e discutere e approfondire il tema della discriminazione e Diritti Umani.

Read more

Human rights start at breakfast-Lima Perù

Peru

Human Rights start with breakfast!

Empower youth through Human Rights Education

19/11/2016 – 4/12/2016, Lima, Perù

L’esperienza condivisa a Lima, con i colleghi provenienti dalla Romania, Guyana, Danimarca e Réunion Island, nasce dalla curiosità di sperimentare e apprendere le modalità attraverso cui i diritti umani sono inseriti in contesti culturali differenti.

Sviluppare e trasferire a livello globale, nuove conoscenze, abilità e attitudini tra i giovani, è proprio il fine di questo progetto.

Durante le due settimane in Perù, REDU ha avuto l’opportunità di incontrare educatori, volontari e giovani esperti del settore, confrontarsi con loro, partecipare ad attività educative di vario tipo, condividendo metodi e tecniche non-formali d’insegnamento.

Mediante un gioco di ruolo, i partner danesi hanno coinvolto tutti in un dibattito sui diritti politici e civili; con i colleghi della Guyana, abbiamo manifestato e difeso i nostri pensieri con slogan e frasi ad effetto, mentre con le collaboratrici della Réunion Island, abbiamo rappresentato, mimando, alcune violazioni dei diritti umani. Tra gli strumenti utilizzati dall’istituto peruviano (IPEDEHP) – audiolibri, videocassette e Dvd – ha entusiasmato tutti un gioco da tavola con percorso a caselle e domande a tema, valido sia per adulti che per bambini. Il gruppo italiano ha contribuito mostrando l’attività “Where do you stand?”, dove i partecipanti hanno potuto esprimere la propria opinione (favorevole o contraria) su alcune frasi relative ai diritti umani posizionandosi fisicamente da un lato all’altro della sala a seconda della loro risposta, favorendo lo spirito critico e la discussione sul tema.

L’opportunità di visitare l’organizzazione “Pukllasunchis Association (Let’s Play)” e gli istituti “Puispicanchi-Fe y Alegría no. 44”, “School Andahuaylillas” e “Puillasunchis”, nelle aree rurali di Cusco, ha poi rappresentato un’occasione unica per entrare in contatto con la vera cultura andina. Ognuna di queste strutture promuove i diritti dell’uomo e l’uguaglianza di genere in un contesto di interculturalità. Non a caso gli alunni non indossano divise, se non i tipici abbigliamenti peruviani. Ed è stato sorprendente vedere bambini e bambine giocare insieme a calcio, a quasi 4000 metri d’altezza!

I genitori e gli insegnanti insistono nel preservare le tradizioni locali e la lingua nativa, il quechua. Valorizzano il culto per la Pachamama (Madre Terra) e la dimensione spirituale della vita, abituando i bambini ad interagire con l’ambiente e a prendersi cura del mondo in cui vivono.

Stefania Toraldo, Francesco Lisciarda

 

davmdedavsdr

Read more

I giochi di REDU nel progetto EduGaming

back verdeIn questi giorni i partner del progetto EduGaming si sono ritrovati e hanno utilizzati i giochi du REDU per invitare coloro che lavorano coi giovani ad utilizzare giochi di società per attivare dinamiche educative nei giovani.

Nelle foto di Snezana Baclija Knoch li vedete mentre giocano, discutono, si divertono e imparano!

Un grazie al team di EduGaming per aver scelto i giochi d REDU e vi invitiamo a richiederli!!!!

 

Read more

Okkio alle parole

no-hateEurope Direct Firenze e REDU – Rete per Educare ai Diritti Umani hanno portato           nelle scuole aderenti “Okkio alle parole“, un progetto volto a sensibilizzare studenti,         insegnanti e famiglie sulla pericolosità dei linguaggi di odio utilizzati online. I social network rappresentano uno spazio virtuale dove condividere opinioni, pensieri, reazioni.,purtroppo anche messaggi di odio razziale, intolleranza. Un uso consapevole del linguaggio che utilizziamo è sicuramente un passo importante per contrastare episodi frequenti di discriminazione e violazione dei diritti umani online.

Ogni laboratorio scolastico ha portato all’elaborazione di un video da parte dei ragazzi con messaggi forti di contrasto all’odio verbale (potete guardare i video al seguente link).

Inoltre questo progetto si allinea ad una campagna europea lanciata dal Consiglio d’Europa, No Hate Speech Movement, per sensibilizzare i giovani internauti su tutte le forme di odio e intolleranza verso il “diverso” operate attraverso il web, sottolineare la percezione e l’impatto che i discorsi sull’odio hanno tra i giovani, evidenziare l’urgenza di combattere l’incitamento all’odio online  e di mobilitarsi per la tutela dei diritti umani.

Le scuole che hanno aderito a questo primo ciclo sono state Istituto Meucci, Peano, Rodolico. Ad ottobre hanno preso parte al progetto le seguenti scuole: Istituto Sassetti, Liceo Machiavelli, Istituto comprensivo Statale Altiero Spinelli.

Read more

Stop Bullying!

bullismoAmnesty International ha ottenuto un co-finanziamento dall’Unione Europea per il progetto “Stop Bullying! A human rights based approach to tackling discrimination in schools” (JUST/2013/DAP/AG/5578), progetto che è iniziato il 1/10/2014 e termina il 30/09/2016 e REDU si occuperà della valutazione esterna del progetto.

Sono coinvolti nel progetto le Sezioni di Amnesty International in Italia, Irlanda, Portogallo e Polonia.

 

I nostri consulenti stanno visitando le scuole che hanno aderito al progetto in tutti i paesi e sembra che ci siano interessanti risultati.

A settembre verrà presentata il report finale del processo di valutazione e quindi vi aspettiamo per scoprire quali sono le pratiche più efficaci per contrastare il bullismo nelle scuole.

Read more

Okkio alle parole!

calligrafia

Il progetto OKKIO ALLE PAROLE! vuole offrire agli studenti degli istituti superiori fiorentini un laboratorio esperienziale sul corretto utilizzo dei social network organizzato in partenariato tra il centro Europe Direct del Comune di Firenze e la Rete educare ai diritti umani.

Il progetto vuole affrontare la questione dell’ uso dei social network nei giovani e come questo stia diventando oltre che un’ opportunità anche una minaccia perchè possono essere vittime o autori involontari di violazioni dei diritti umani. Da qualche anno l’attenzione all’utilizzo delle parole e come queste portino all’istigazione online di sentimenti quali intolleranza, odio e xenofobia stia aumentando sempre di più e anche la campagna NO HATE NO SPEECH, promossa dal Consiglio d’ Europa ne evidenzia l’importanza.

Il progetto OKKIO ALLE PAROLE si prefigge lo scopo di informare i giovani sui rischi di un uso non attento delle parole sul web e ampliarne la sensibilizzazione ai coetanei, alle famiglie e agli insegnanti.

Come sarà strutturato

Sono previste 4 ore di laboratorio (2 incontri di 2 ore) in una classe o gruppo di 30 persone

(il gruppo può avere anche una composizione mista tra studenti, famiglie e insegnanti oppure solo studenti o solo insegnanti).

A chi si rivolge

Agli Istituti di scuola di I e II grado del comprensorio della Città Metropolitana di Firenze, preferibilmente agli studenti di III media e I superiore.

Per questioni organizzative e consentire la massima diffusione dell’iniziativa è prevista la partecipazione di massimo n. 12 istituti scolastici (e quindi sarà proposto un laboratorio per istituto).

Attività

Verranno utilizzate attività di educazione non formale esperienziali tratte dal manuale della Campagna NO HATE NO SPEECH , che verrà rilasciato anche all’Istituto.

Al termine verrà prodotto dai partecipanti un video di 1 minuto che farà parte di una campagna di comunicazione diffusa sia attraverso la pagina Facebook del progetto che attraverso tutti i canali di comunicazione del centro Europe Direct Firenze.

Tempi di svolgimento

Nel mese di aprile 2016 per 6 scuole e nel mese di ottobre 2016 per altre 6 scuole

Read more

Human rights start at breakfast

breakfastHRSi è appena concluso il kickoff meeating a Timisoara (in Romania) sul progetto europeo Human rights start at breakfast, un progetto di due anni.

Il progetto avrà come obiettivo quello di creare una piattaforma online per raccogliere risorse e strumenti utili a youth leader che vorranno fare formazione sui Diritti Umani.

I paesi coinvolti sono Romania, Italia, Reunion, Perù Guyana, Danimarca.

 

Read more

No Hate speech movement a Milano

no-hatepicyouth-logo

Martedi’ 17, mercoldi’ 18 e giovedi’ 19 Marzo il No Hate Speech Movement >> sarà a Milano presso l’ I.I.S. VILFREDO FEDERICO PARETO per una serie di workshop dal titolo “diritti umani, internet, intolleranze e discriminazioni”  destinati agli studenti delle seconde classi .

I workshop sono condotti da Cristina Mancigotti.

Per ospitare workshop nella vostra scuola contattateci

 

 

Read more
Top