Homepage image slide2

Rete Educare ai Diritti Umani

read more

Compass

Compass è il manuale per l’educazione ai diritti umani con i giovani prodotto dal Consiglio d’Europa per un pubblico internazionale e tradotto in italiano da REDU.

Compass è rivolto ad educatori e giovani e offre attività concrete, informazioni a supporto dei temi trattati e una introduzione metodologica e pedagogica.

Compass è disponibile in formato cartaceo e prossimamente online.

Compasito

compasito

Compasito è il manuale per l’educazione ai diritti umani per le bambine e i bambini.

Prodotto dal Consiglio d’Europa è stato tradotto da REDU in cooperazione con Arciragazzi e Arci Servizio Civile con lo scopo di contribuire alla diffusione e promozione di una cultura dei diritti umani in Italia.

Il Manuale è disponibile in formato cartaceo e online sul sito www.compasito.it

Giochi

REDU ha prodotto 3 giochi che integrano le attività presenti in Compass e Compasito. Sono basasti sul principio di gamification, che permette tramite il gioco di fornire conoscenze ed informazioni sui diritti umani e di attivare la passione che porta ad approfondire i temi trattati e presenti nei giochi. Sono un invito a fare entrare i diritti umani tramite il gioco nella vita di tutti i giorni.

il Memory dei Diritti Umani
Mezzanotte
Fai un passo Avanti

Rete

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2013/11/mario.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Mario D’Agostino

Esperto in processi di apprendimento esperienziale e educazione non formale, opera in ambito internazionale con giovani, adulti e organizzazioni da circa 20 anni. Collabora come formatore con il Consiglio d’Europa e nel 2009 fonda L’International Academy of Experiential Education – Via Experientia. Co-Fondatore di REDU, collabora alla fase di sperimentazione, messa a punto e in qualità delle attività pubblicate in compasito. Attualmente è responsabile del Kamaleonte

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2014/12/paola-redu.png” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Paola Bortini

Paola lavora come formatrice e facilitatrice di processi di apprendimento non formali con adulti e giovani. Ha una vasta esperienza maturata lavorando con organizzazioni giovanili internazionali e in cooperazione con il Consiglio d’Europa e con la rete delle Agenzie Nazionali del Programma  Erasmus+ dell’Unione Europea.  Paola ha contribuito alla ideazione e realizzazione di giochi educativi per la conoscenza e la promozone dei diritti umani. Co-fondatrice di REDU ha partecipato alla traduzione di Compass e Compasito.

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2013/11/silvia.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Silvia Volpi

Master post-laurea in Scienze Politiche. Si occupa di educazione non formale da più di venti anni. Partecipa al corso ATTE (advanced training for trainers in Europe) del Consiglio d’europa.  Da più di quindici anni i temi che tratta sono legati alla partecipazione e alle politiche giovanili, ai diritti umani, all’apprendimento interculturale. Fa parte del pool dei formatori del Consiglio d’Europa e collabora con enti ed organizzazioni a livello nazionale ed internazionale.
Ha collaborato alla traduzione di Compass e di Compasito, ne ha sperimentato le attività sia in contesti formali che non formali con bambine e bambini,  giovani e adulti. Co-fondatrice di Accademia europea di Firenze e di REDU.

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2014/12/stef.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Stefania Zamparelli

Si laurea in psicologia e si specializza in counseling con un master triennale. Dal 2000 collabora con Accademia europea di Firenze. Si occupa principalmente di educazione non formale sui temi legati ai diritti umani e all’apprendimento interculturale.
Collabora sia alla traduzione di Compass che di Compasito, ne ha sperimentato le attività sia in contesti formali che non formali con bambine e bambini, giovani e adulti.

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2014/12/angelica.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Angelica Paci

Per più di 10 anni Angelica Paci lavora come consulente aziendale per la progettazione e l’implementazione di sistemi qualità. Convinta da sempre il gruppo sia una risorsa per l’apprendimento e che la diversità sia un valore che arricchisce gli individui e il contesto in cui lavorano, apprendono e vivono, dal 2007 ad oggi opera a livello internazionale nell’ambito dell’educazione non formale per lo sviluppo individuale e di gruppo, utilizzando come metodologia l’apprendimento esperienziale e la riflessione come strumento di apprendimento. Partecipa attivamente alla conduzione di ricerche sui metodi per attivare l’apprendimento attraverso i giochi ed esplorata le connessioni e le implicazioni tra la teoria delle intelligenze multiple dello psicologo americano Howard Gardner e lo sviluppo della leadership nell’apprendimento degli adulti. Attualmente opera per il Kamaleonte ed è membro attivo dei network internazionali “Academy of Experiential Education – Via Experientia” e “ALP – Activating Leadership Potential”.

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2014/12/gabriele.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Gabriele Cespa

Cresce e si forma all’interno di associazioni e movimenti giovanili, dove si specializza nell’educazione non formale su tematiche quali il dialogo interculturale, i diritti umani, l’inclusione sociale, la cittadinanza e la partecipazione.Dal 2006 collabora con il Kamaleonte come esperto di attività di outdoor education e training rivolti a giovani e adulti. Consegue un Master Internazionale in Apprendimento Esperienziale e Life Coach.  Attualmente si occupa  principalmente di attività di team building e sviluppo personale per giovani e adulti attraverso l’outdoor e l’apprendimento esperienziale.. Per il Compasito ha collaborato alla fase di sperimentazione e messa a punto delle attività.

[round_thumb url=”http://www.educareaidirittiumani.net/wp-content/uploads/2014/12/pic.jpg” width=”100%” height=”auto” align=”left” lightbox=”false”]

Cristina Mancigotti

Cristina si avvicina al mondo delle organizzazioni non-governative durante il percorso accademico in Comunicazione e Psicologia e si imbarca nella sua prima avventura interculturale in Finlandia, alla ricerca di un’educazione alternativa. L’interesse per i diritti umani e la scoperta dell’educazione non formale segna la strada verso il lavoro con diverse ONG, un’esperienza di servizio volontario europeo e una traineeship per il Consiglio d’Europa. Collabora alla traduzione di Compass.

Contatti








Please leave this field empty.
Top